Art Stop Monti, arte e mobilità

Art Stop Monti, arte e mobilità

di Domenico Cornacchione

Vito Gara #AutoCensura

Art Stop Monti” è un concorso riservato ad artisti under 30 che ha come scopo la riqualificazione delle stazioni della metropolitana di Roma. Sulla scia di tante città europee e italiane, anche Roma vuole trasformare le stazioni della metro in spazi vivibili e piacevoli, non solo luoghi (o non luoghi, se preferite) di transito abbandonati a loro stessi ma veri e propri musei. L’iniziativa è realizzata da Atac in collaborazione con l’agenzia creativa NuFactory. La stazione scelta per le prime installazioni artistiche è la fermata Cavour della metro B nel quartiere Monti, in cui, a rotazione, saranno esposte le opere dei finalisti selezionati da una giuria. Siamo andati a vedere le prime opere in mostra.

Vito Gara #AutoCensura

Molto interessante il lavoro grafico di Vito Gara intitolato #AutoCensura. Lavoro che con ironia riflette sul problema del traffico in città. “Questa riflessione” dichiara l’artista “vuole scuotere la nostra sensibilità in modo da rendere reciproco l’amore che questa città riesce a trasmettere, preservandolo e intensificandolo attraverso una mobilità sostenibile.”

Rub Kandy – In the Mood For Love Rome

Rub Kandy, invece, ha realizzato per l’occasione un interessante lavoro intitolato In the Mood For Love Rome, un intervento site specific che resterà visibile per 12 mesi. L’opera di Rub Kandy (nome d’arte di Mimmo Rubino) consiste in scritte realizzate con tubi al neon leggibili da ogni punto di vista.

Gli altri artisti vincitori del concorso sono: Pasquale Iaconantonio, Giovanni Colaneri, Noemi di Nucci, Valerio Ventura, Laura Tistarelli e Sofia Meletti. I loro lavori saranno esposti nella fermata metro Cavour nei prossimi mesi, torneremo a vederli.

©Domenico Cornacchione – ©Colori Urbani

Precedente L'arte pubblica, una scelta intelligente Successivo Abiding Embrace / Indissolubile Abbraccio. La nuova mostra dello SpazioELLE